Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

   Registrati al sito. Dimenticato la password?

Recupero Crediti

QUESITO:

In merito all'ingiunzione di pagamento europea di cui al regolamento CE n. 1896/2006, entrato in vigore in data 12.12.2008 volevamo sapere:
1) se il giudice competente è quello del paese del debitore o del creditore,
2) se la domanda di ingiunzione di pagamento può essere presentata direttamente dal creditore o bisogna avvalersi, comunque, di un legale,
3) se l'ingiunzione è efficace anche per crediti anteriori al 12.12.08,
4) se in Spagna l'ingiunzione è eseguibile,
5) che costi ha per l'azienda creditrice un'ingiunzione di pagamento europea.

Queste domande nascono dall'esigenza di recuperare nella maniera meno dispendiosa possibile un credito in Spagna di circa Euro 26.000,00, relativo agli anni 2006-2007, per il quale nell'arco del 2008 abbiamo ricevuto una serie di pagaré con date diverse. I primi tre con scadenza giugno, luglio e agosto 2008, non sono stati onorati e, quindi, per evitare costi supplementari abbiamo evitato di mandare all'incasso i rimanenti.
Un legale spagnolo ci ha chiesto per il recupero del credito Euro 2.250,00 per il suo onorario e Euro 750,00 per il "Procurador", figura indispensabile secondo l'ordinamento giuridico spagnolo tra tribunale e avvocato.

E\' meglio affidarsi in questo caso al legale spagnolo o esperire questa nuova procedura dell\'ingiunzione di pagamento europea?

 

RISPOSTA:

1) Ai fini della determinazione della competenza giurisdizionale, vige,l'art.6 Reg. 1896/2006 il quale rimanda alla disciplina di cui al Regolamento n.44/2001.
Trova, pertanto, applicazione l'art. 2, Reg. CE n.44/2001secondo il quale è competente il Giudice dello stato nel quale ha domicilio il convenuto.
In materia contrattuale, l'art 5, n.1 individua tuttavia, quale foro alternativo, quello del luogo in cui l'obbligazione dedotta in giudizio è stata o deve essere eseguita.
Nel quesito sembra però che le cambiali siano state emesse in Italia e, pertanto, il Ricorso per Decreto Ingiuntivo Europeo potrebbe essere proposto innanzi al Giudice italiano.
2) Non è necessaria l'assistenza del legale; tuttavia, in considerazione della recente entrata in vigore della normativa in materia, nonchè della peculiarità della procedura da seguire,sarebbe opportuna e consigliabile l'assistenza di un legale, anche in vista di una eventuale opposizione all'ingiunzione di pagamento da parte del debitore.
3) Il Regolamento 1896/2006 si applica anche ai crediti anteriori al 12.12.2008;
4) La procedura esecutiva potrà essere avviata in Spagna sulla base del decreto ingiuntivo europeo emesso dal Giudice italiano : tuttavia, in tale fase, sarà indispensabile la domiciliazione presso un avvocato in Spagna.
5) Per quanto riguardo gli onorari si ritiene che, a titolo di fondo spese, per la proposizione del Ricorso per Decreto Ingiuntivo Europeo ex Regolamento CE n.1896/2006 possa essere stimato un costo inferiore (pari ad Euro 1.500,00, oltre accessori di legge, comprensivo delle spese inerenti la traduzione asseverata) per la sola fase del decreto ingiuntivo europeo.
Inoltre dovranno essere prese in considerazione spese e competenze per l'eventuale procedura di esecuzione forzata da eseguirsi in Spagna, difficilmente quantificabili (essendo legate all'attività di un legale spagnolo).

Restiamo, naturalmente, a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.